La “zip” di Alex Chinneck che apre infinite vie verso un possibile futuro

L’installazione multidimensionale sfida la percezione del pubblico della Milano Design Week

In occasione della Milano Design Week, Philip Morris International presenta il progetto IQOS World revealed by Alex Chinneck.
Dal 9 al 14 aprile 2019 presso lo Spazio 400 all’interno dell’Opificio 31 – nel cuore del Tortona District –, IQOS, il prodotto smoke free ultimo ritrovato della tecnologia di Philip Morris International, ospita il progetto espositivo dell’artista britannico Alex Chinneck, che, noto per la sua visione originale e dirompente, ha dato origine a un’installazione multidimensionale, un invito a immaginare un nuovo futuro e inedite possibilità.

L’abilità unica di Chinneck di unire nel suo lavoro arte, architettura e teatro si manifesta in scala monumentale: è l’architettura stessa dell’edificio – sia esterna che interna – a trasformarsi in opera d’arte, assumendo forme nuove e inattese. Le pareti e i pavimenti diventano così metafora di un processo di trasformazione, che evoca, attraverso immaginifici portali, infinite vie verso un possibile futuro.

Il progetto vede protagonista l’architettura dell’intero edificio che, attraverso una serie di interventi scultorei, viene trasformata in modo spettacolare sfidando la percezione del pubblico.
All’esterno, infatti, l’artista ricrea una facciata totalmente nuova il cui prospetto – che richiama l’estetica della tradizionale architettura milanese – sembra “aprirsi” in una delle sue estremità attraverso una zip che lascia intravedere l’interno dell’edificio; gli spazi interni, invece, sono radicalmente trasformati attraverso “aperture” inaspettate nel pavimento in cemento e nelle pareti in pietra.
Il simbolo della zip si rivela così il tratto distintivo del progetto, l’espediente attraverso cui l’artista dà origine a una serie di fenditure surreali da cui si propaga una luce eterea e impalpabile che invade lo spazio, trasportando il visitatore in un’esperienza inedita e coinvolgente.

La mia ricerca condivide con IQOS la volontà di ribaltare la percezione di ciò che è possibile”, racconta Alex Chinneck. “In questo progetto materiali e forme architettoniche familiari e rassicuranti sono stati trasformati in straordinari e inattesi; attraverso l’uso ripetuto della cerniera, infatti, abbiamo ‘aperto’ un edificio dall’estetica apparentemente tradizionale immaginando con ironia cosa si potesse nascondere oltre la facciata, i pavimenti e le pareti. Una luce eterea si propaga da ogni apertura, inondando lo spazio di colore e diffondendo un senso di positività”.

b_730_5b48f0d4 f5ad 43a1 b1e2 0408c2af4a41
b_730_9482f535 8dc0 49ac b97b 015a01b863b2
h_69731_01 1
b_730_79b91902 c9df 4177 8bc7 011825cf9be6
b_730_f216473e 8f70 441e a51c fe0b23c67a1a
b_730_faf09428 06cd 473e 83e4 f0c4dded0d1a